Home » Tennis » Palline da tennis: come scegliere quelle giuste per noi
come scegliere le palline da tennis

Palline da tennis: come scegliere quelle giuste per noi

Contenuto dell'articolo

In alcuni precedenti articoli abbiamo visto come scegliere la scarpe giuste per noi, quale racchetta acquistare e come incordarla. Ora non ci rimane che comprare le palline da tennis per iniziare ad allenarci. Una volta giunti al negozio, ci renderemo conto che anche per le palline da tennis l’offerta del mercato è davvero immensa: per scegliere il tipo di pallina più adatta per noi dovremo prima di tutto stabilire il nostro livello, in pratica che tipo di tennisti siamo:

  • siamo dei principianti o comunque dei giocatori solo occasionali?
  • Oppure siamo tennisti più avanzati, e giochiamo regolarmente e con intensità?

Le palline da tennis per il principiante

Chi muove i primi passi con questa disciplina farebbe meglio ad optare per una pallina che non riservi brutti scherzi: servono palline lente, che non prendano troppo effetto e che dopo i rimbalzi non regalino troppe “sorprese” dal punto di vista della velocità e dell’altezza. Le palline che meglio rispecchiano questo identikit sono quelle senza pressione.

Chi è proprio alle primissime armi potrebbe provare con le palline di spugna, per quelle da mini-tennis o le cosiddette intermedie per adulti. Questi modelli sono riconoscibili perché di solito vengono realizzate con un feltro in parte giallo e in parte di un altro colore. Le palline senza pressione hanno un nucleo morbido e il loro principale materiale di composizione è la gomma spessa, e per questo possono garantire un’ottima longevità.

Le palline da tennis per il giocatore regolare

Per chi non è esattamente un principiante, entra in gioco una nuova domanda da porsi: le palline mi servono per l’allenamento o per una competizione?

Palline da allenamento

Esistono delle palline che sono studiate appositamente per essere colpite per tante ore consecutive: le palline da tennis per allenamento devono essere in grado di consumarsi il meno possibile. Quelle che più di tutte hanno questa caratteristica sono le palline senza pressione a nucleo duro, realizzate con una gomma molto spessa e un feltro decisamente sottile. Di solito il loro prezzo è abbastanza basso e tutti i tennisti regolari dovrebbero utilizzarle ogni tanto (senza ovviamente abusarne) nei loro allenamenti.

Palline da competizione

Nelle partite (ma spesso anche in allenamento) serve una pallina più confortevole: parliamo della pallina con pressione. Si differenzia dalle altre tipologie perché al suo interno è stata iniettata dell’aria. Grazie a questa particolarità, alla gomma morbida con cui sono realizzate e alla rifinitura in feltro che riesce ad assorbire e restituire l’effetto, le palline con pressione sono confortevoli e decisamente “varie”.

Infatti, se giochiamo su una superficie dura e liscia, la palline da tennis con pressione saranno vivaci, su una superficie porosa potranno prendere l’effetto (ma si consumeranno più rapidamente), mentre sulla terra battuta, con l’abbinamento terreno morbido/pallina morbida, prenderanno l’effetto, ma risulteranno essere più lente e più pesanti (per l’assorbimento dell’umidità).

Naturalmente a livello di prezzo, le palline da tennis con pressione sono più care delle altre tipologie, ma sono quelle più piacevoli da utilizzare per i giocatori regolari. Gli esperti consigliano di aprire il tubo che le contiene almeno cinque minuti prima di iniziare a giocare, in modo che la pallina abbia il tempo necessario per ammorbidirsi.

Leggi anche

Come diventare un arbitro di tennis

Come diventare arbitro di tennis

Contenuto dell'articolo 1 Come diventare arbitro di tennis1.1 Differenza tra arbitro e giudice arbitro1.2 Cosa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *